ARTIGLIO DEL DIAVOLO
Harpagophytum procumbens
parti usate: radice


L'artiglio del diavolo Ŕ ampiamente usato nella medicina tradizionale africana. Le radici presentano un corredo di uncini che hanno valso alla pianta il suo nome popolare: gli animali e i roditori possono rimanere impigliati nelle radici e perdere la vita morendo di fame.
L'efficacia antireumatica ed antinfiammatoria degli harpagosidi (i principi attivi della radice) Ŕ indiscusso, e paragonabile a quella degli antinfiammatori di sintesi non steroidei ed al cortisone stesso. L'assoluta mancanza di tossicitÓ, l'ottima tollerabilitÓ gastrica rendono il prodotto largamente utilizzato nella fitoterapia delle affezioni reumatiche. I pazienti durante gli attacchi acuti trovano un immediato beneficio vedendosi ridurre la sintomatologia dolorosa.
L'artiglio del diavolo ha un effetto antistaminico, simpatico-mimetico e ganglioplegico. Viene descritto un effetto sinergico di una certa entitÓ, qualora la sua somministrazione sia seguita da preparati a base di rame.


usato per

l'artrite reumatoide, il reumatismo infiammatorio; le tendiniti, le contusioni, i dolori della schiena, sciatica, ecc.